Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Italiano per Stranieri

Portale di risorse gratuite per chi studia e per chi insegna italiano per stranieri e come seconda lingua

Offre numerose attività didattiche per sviluppare la comprensione scritta e orale, audio, video e giochi.

Guardando, imparo

Guardando, imparo

Cominciamo dalle realtà assodate: un buon insegnante lavora meglio se ha l’opportunità di usare un buon manuale durante le sue lezioni.

Passiamo a una realtà un po’ meno assodata: cosa fa di un manuale un buon manuale? In altri termini, quando inizia un corso, un anno scolastico o un modulo di studio perché l’insegnante sceglie un volume piuttosto che un altro?

In tanti anni di insegnamento è capitato diverse volte di sentire pareri discordanti su uno stesso volume, da “mi trovo benissimo con questo” a “non riesco proprio ad usarlo”. C’è molta soggettività, nella scelta di un libro.

Quali possono essere allora, se ce ne sono, i punti fermi da considerare? Probabilmente, al netto del gusto personale di ciascuno, a determinare la qualità di un materiale didattico è la trasversalità che tiene lo sguardo puntato sulla bellezza, offrendo qualche elemento di novità.

Come suona bene! Ma cosa significa, in concreto? ;-)

Significa che è un libro fruibile da tutti i soggetti coinvolti, curato nell’aspetto e con qualcosa di innovativo. Azzarderei l’ipotesi per cui la presenza della seconda e della terza caratteristica agevolano il presentarsi della prima, pur non bastando da sole. Per questo le analizzerò dall’ultima alla prima.

Qualcosa di innovativo. Uno strumento che funziona da anni molto bene sono i video. Il testo input non è più solo orale, ma è corredato da immagini in movimento che creano un contesto, danno volti ed espressioni a chi parla, offrono ancora più spunti per il lavoro in classe. Il video poi negli ultimi anni ha visto notevoli miglioramenti: dai dialoghi poco realistici registrati in studio diverse case editrici si sono via via spostate verso registrazioni effettuate in strada o comunque in luoghi pubblici, con dialoghi più realistici, arricchiti di espressioni idiomatiche, segnali discorsivi, pause, esitazioni, magari anche qualche Ehm…, insomma tutto come accade nelle vere conversazioni di tutti i giorni. E forse l’innovazione dà il meglio proprio in questo: migliorare uno strumento già esistente per farne qualcosa di nuovo, lasciando comunque una sensazione di familiarità perché già noto a chi lo usa (e quindi eliminando tutti quegli aspetti di resistenza che si instaurano a volte per mancanza di tempo/energie/competenze tecniche verso le novità propriamente intese).

Il secondo punto è la bellezza. In didattica questo connotato assume due valenze. Anzitutto quella di qualcosa di bello da vedere. Online ci sono migliaia di video per le lingue straniere, tutti video in situazione “la telefonata di lavoro”, “all’aeroporto”, “al supermercato”, “la mia giornata”…  Alcuni sono proprio brutti. A onor di verità, vale soprattutto per quelli più vecchi, proprio per quanto detto sopra. Eppure compaiono tra i primi risultati di ricerca, e l’insegnante che ha poco tempo per dedicarsi a trovare qualcosa di più rischia di usare materiali certamente utili, ma quanti sbadigli in aula! La seconda valenza della bellezza, in aula, è quella della vicinanza all’esperienza di chi fruisce il video. Significa cura del dettaglio. Per fare un esempio pratico, “al ristorante” può concretizzarsi in tre video diversi a seconda che sia pensato per un manager che vive soprattutto l’esperienza dei pranzi di lavoro, per uno studente che mangia al fast food, oppure per una famiglia in vacanza. Più quel contenuto è reso vicino a chi lo guarda, e questo vale sia per le scelte di lessico e funzioni che per l’ambientazione, l’abbigliamento, e tutto ciò che è contesto, più l’osservatore lo percepirà come bello. Bello per sé.

Ed eccoci così al primo punto, la trasversalità. Un video realizzato rispettando (anche) i canoni sopra descritti sarà facilmente utilizzabile, come si diceva in apertura, da tutti i soggetti coinvolti nella formazione: studenti e insegnanti. Questo è un punto nodale. È giusto e necessario che i materiali didattici siano creati pensando agli apprendenti. È più raro trovarne di pensati anche per i docenti. Eppure, fornendo un prodotto che ha già in sé tutto ciò che serve, e quindi necessita di poche spiegazioni perché già chiaro, e corredandolo con un apparato di attività diversificate che allo steso tempo lasciano la possibilità all’insegnante di inventarne altre perché il testo input è molto ricco, si sta offrendo uno strumento che verrà scelto più volentieri. Perché vantaggioso per tutti.

Non solo. Chi insegna sa bene che spesso i video non sono utilizzabili in aula perché mancano le apparecchiature (proiettore, sistema di amplificazione audio degno di tale nome…) e allora si rischia di rinunciare all’uso di un testo che sì, sarebbe stato proprio quello che faceva al caso mio per parlare di quella cosa lì, ma come posso fare?

Che bello è invece potersi togliere il pensiero perché il video ha una traccia audio corrispondente ed esattamente identica, che ne permette l’uso anche in aule poco attrezzate. E resta la possibilità di estrarre fotogrammi dal video e creare attività ad hoc, proprio per costruire comunque il senso di familiarità con le immagini di cui si diceva sopra.

Dove si possono trovare materiali così? Eccone un esempio https://www.loescher.it/dettaglio/opera/o_32521


Nadia Fiamenghi

File da scaricare

I vostri commenti

  • Nessun commento presente

Inserisci il tuo commento

Inserisci una risposta

Uno sguardo a...


  • Ascoltare e leggereLivello B2
    Ascoltare e leggere

    Livello B2

  • Punti criticiEserciziario per anglofoni: problemi ed errori di interferenzaLivello A1-A2
    Punti critici

    Eserciziario per anglofoni: problemi ed errori di interferenza
    Livello A1-A2

  • Uno sguardo sull'Italia attraverso i testi letterari (B1-C1)
    Caleidoscopio italiano

    Uno sguardo sull'Italia attraverso i testi letterari (B1-C1)

  • Il buongustareCorso di enogoastronomia d'ItaliaLivello B1-B2
    Il buongustare

    Corso di enogoastronomia d'Italia
    Livello B1-B2

  • Spazio civiltà Corso di civiltà  italiana per stranieri Livello A2-B1
    Spazio civiltà 

    Corso di civiltà  italiana per stranieri
    Livello A2-B1

  • Italiano e inglese allo specchioEserciziario per anglofoni: problemi ed errori di interferenzaLivello B1-C1
    Italiano e inglese allo specchio

    Eserciziario per anglofoni: problemi ed errori di interferenza
    Livello B1-C1

  • 15. L'italiano L1 come lingua dello studio
    15. L'italiano L1 come lingua dello studio

  • Per comunicare da subito e imparare divertendosi.
    Spazio Italia

    Per comunicare da subito e imparare divertendosi.

  • 13. Lingue straniere e disturbi specifici dell'apprendimentoUn quadro di riferimento per la progettazione di materiali glottodidattici accessibili
    13. Lingue straniere e disturbi specifici dell'apprendimento

    Un quadro di riferimento per la progettazione di materiali glottodidattici accessibili

  • Il libro di GRAMMATICAPer CTP e CPIA
    Il libro di GRAMMATICA

    Per CTP e CPIA

  • 17. Italiano L2 in contesti migratoriSillabo e descrittori dall’alfabetizzazione all’A1Livello B1-C1
    Italiano e inglese allo specchio

    17. Italiano L2 in contesti migratori
    Sillabo e descrittori dall’alfabetizzazione all’A1
    Livello B1-C1

  • Nuovo Contatto A1Corso di lingua e civiltà italiana per stranieriLivello A1
    Nuovo Contatto A1

    Corso di lingua e civiltà italiana per stranieri
    Livello A1

  • Prepararsi alla DILS-PGCertificazione in
    Prepararsi alla DILS-PG

    Certificazione in "Didattica dell'Italiano Lingua Straniera", II livello, rilasciata dall'Università per Stranieri di Perugia - CVCL + Handbook

  • La grammatica sempliceGrammatica semplificata dell'italiano per italiani e stranieri
    La grammatica semplice

    Grammatica semplificata dell'italiano per italiani e stranieri

  • Buon lavoroL'italiano per le professioniLivello A2
    Buon lavoro

    L'italiano per le professioni
    Livello A2

  • Dal livello progresso (B2) al livello dell'efficacia (c1)
    Nuovo Contatto C1

    Dal livello progresso (B2) al livello dell'efficacia (c1)

  • La lingua italiana e le sue regoleGrammatica della lingua italiana con eserciziLivello A1-B2
    La lingua italiana e le sue regole

    Grammatica della lingua italiana con esercizi
    Livello A1-B2

  • Corso di lingua e civiltà italiana per stranieriLivello: A1-B2
    Nuovo contatto

    Corso di lingua e civiltà italiana per stranieri
    Livello: A1-B2

  • Io sono Wang LinLa lingua italiana per i cinesi
    Io sono Wang Lin

    La lingua italiana per i cinesi

  • Lo Stivale di modaCorso di moda italianaLivello B1-B2
    Lo Stivale di moda

    Corso di moda italiana
    Livello B1-B2

  • 17. Italiano L2 in contesti migratoriSillabo e descrittori dall’alfabetizzazione all’A1
    17. Italiano L2 in contesti migratori

    Sillabo e descrittori dall’alfabetizzazione all’A1

  • 14. Fare CLILStrumenti per l'insegnamento integrato di lingua e disciplina nella scuola secondaria
    14. Fare CLIL

    Strumenti per l'insegnamento integrato di lingua e disciplina nella scuola secondaria